Il taglia e cuci su misura

1812 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Quale persona con problemi di obesità o sovrappeso non sarebbe contenta di un dimagrimento. Se però i chili persi sono tanti guardarsi allo specchio può no essere tanto piacevole. Le tre zone del corpo più soggette a pelle cadente sono gambe, braccia ed addome.

Per rimediare alla pelle in eccesso esiste una serie di interventi chirurgici in grado di restituire un aspetto splendente.

Per quanto riguarda le gambe, il problema solitamente è concentrato nella parte interna delle cosce che risulta essere molle e cadente.  In questa zona viene praticato il lifting inguinocrurale. Se l’eccesso di pelle è modesto, la cicatrice viene a trovarsi all’inguine ed è praticamente nascosta.  Spesso viene abbinata una piccola lipoaspirazione, per eliminare eventuali depositi di grasso, che viene praticata mediante l’utilizzo di una cannula aspirante che crea traumi minori. Basta una settimana di convalescenza, è necessario però indossare una guaina elastica per circa un mese.  Il costo di questo intervento varia dai 4mila ai 7mila euro.

Il problema delle braccia è quello che viene comunemente chiamato “ali di pipistrello”. Ci sono due interventi possibili, a seconda della quantità di pelle in eccesso: quando l’eccesso è modesto e limitato alla parte superiore del braccio, si può ricorrere al minilifting ascellare, praticato in anestesia locale, questo comporta una cicatrice praticamente invisibile; se i tessuti da eliminare sono estesi è necessario ricorrere al lifting delle braccia, in alcuni casi l’incisione può arrivare fino al gomito. E’ possibile anche qui associare una liposuzione. L’intervento viene fatto in anestesia locale più sedazione oppure in anestesia generale. Nel caso del minilifting le limitazioni nei movimenti durano per 3-4 giorni, nel secondo caso bisogna aspettare una settimana/ 10 giorni. E’ utile indossare una maglia elasticizzata per agevolare la retrazione dei tessuti. Il prezzo di questo intervento varia dai 3 agli 8mila euro.

In seguito ad una forte riduzione del peso è molto frequente osservare dei rotolini più o meno grossi di pelle a livello della pancia. Se la riduzione è abbastanza contenuta si ricorre alla mini-addominoplastica. In presenza di accumuli di grasso residui, si può abbinare una piccola lipoaspirazione dell’addome e dei fianchi. Al termine dell’intervento dev’essere indossata una guaina compressiva da tenere per un mese. Il costo di questo intervento può oscillare dai 4 agli 8mila euro.

Come si è visto, il costo di questi interventi è molto variabile dipende dalla tipologia dell’intervento, dall’estensione delle zone da trattare, ma anche in base alla struttura medica e al professionista.

 

Il taglia e cuci su misura ultima modifica: 2015-03-06T09:28:18+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *