Il segreto della felicità è il lavoro part-time

642 visualizzazioni Scrivi un commento

Da un’indagine europea, riportata dal settimanale inglese “The Economist”, è emerso che la Nazione dove i cittadini si sono detti più felici e soddisfatti sono i Paesi Bassi. Questo perché, dal 2000 sempre più persone hanno avuto la possibilità di ridurre il proprio orario lavorativo. Oggi, un numero sempre più alto di olandesi ha più tempo per la famiglia, per gli hobby e per fare sport. Ed è proprio grazie a questo tempo libero che si sentono più sereni e soddisfatti di prima.
Tra gli olandesi infatti, il 26.8% degli uomini e addirittura oltre il 76% delle donne ha scelto di lavorare part time, prediligendo questa forma di contratto a quella a tempo pieno e non superando mai le 36 ore di lavoro alla settimana.
I vantaggi di un simile ritmo lavorativo sono più che evidenti. Prima di tutto più tempo per se stessi, da dedicare allo svago o ad altre attività personali, come la cura di se stessi, sport compreso. Proprio lo sport secondo la British Heart Foundation è un fattore determinante per la felicità delle persone, perché va ad influire positivamente sul benessere psico-fisico dell’individuo.
Meno lavoro e più tempo libero rendono la vita più semplice e più bella..ovviamente..niente di nuovo. E’ scontato infatti che non essere costretti per tutta la giornata e per tutta la settimana sul posto di lavoro permetta una vita meno frenetica e di conseguenza più felice. E’ poi lo stesso sistema economico nazionale a dare la possibilità agli olandesi di non “ammazzarsi” di lavoro per tutta la settimana.
In Italia la situazione è un po’ diversa. Il part time può essere scelto oppure imposto e spesso il livello della retribuzione non porta alla felicità. Il part time imposto è in costante crescita dall’inizio della crisi (dato certificato dall’Istat): le aziende che non possono più permettersi di pagare lo stipendio intero, “chiedono” ai dipendenti l’orario part time, molto spesso per non doverli. Un conto è scegliere di lavorare di meno, rinunciando ad un maggiore stipendio, ma avendo un sistema economico in grado di supportare tale scelta, un altro è ritrovarsi con mezzo stipendio e le stesse spese contro la propria volontà ed essere costretti ad accettare la situazione.

 

Il segreto della felicità è il lavoro part-time ultima modifica: 2015-06-04T15:20:59+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *