Il gioiello del Madagascar

772 visualizzazioni Scrivi un commento

Il Madagascar è una delle destinazioni preferite dai turisti di tutto il mondo, uno luogo da sogno. Cinquemila km di costa dove trovare spiagge da cartolina, barriere coralline, un mare limpido e incontaminato, pesci colorati e fondali incantati tutti da esplorare. Si potrà scoprire una natura come mai visto prima, il territorio offre tantissime riserve naturali tutte da scoprire e un’aria carica del profumo delle spezie (pepe, cannella e vaniglia) coltivate un po’ ovunque, rendono l’atmosfera dell’isola particolare ed unica. Le condizioni climatiche e le temperature sono miti 12 mesi l’anno, quindi è sempre il momento giusto per raggiungere quest’isola magnifica.
Imperdibile una visita alla Riserva naturale integrale Tsingy di Bemaraha con i suoi uccelli selvatici, i lemuri e le foreste di mangrovia. Questa riserva naturale è situata vicino alla costa occidentale del Madagascar (regione di Menabe) è nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco grazie alla sua geografia unica al mondo, delle ben conservate foreste di mangrovia, degli uccelli selvatici e della popolazione di lemuri. E’ caratterizzato dalla presenza degli “tsingy”, particolari formazioni rocciose calcaree di origine carsica dall’aspetto a guglia, tra le quali scorre il fiume Manambolo.
Nella riserva sono state censite 430 diverse specie botaniche, 85% delle quali endemiche: la vegetazione dominante è rappresentata dalla foresta decidua secca, a cui si alternano piccole “isole” di foresta umida. Alcune specie sono esclusive di quest’area come per esempio l’ebano del Madagascar, l’albero di fuoco e il banano selvatico. Sono presenti anche il baobab ed un discreto numero di Orchidaceae.
Tra i mammiferi presenti nella riserva vi sono 11 specie di lemuri, alcuni facilmente osservabili altri più elusivi, per le loro abitudini notturne. Altre specie di cui è segnalata la presenza sono il fossa, la mangusta dalla coda ad anelli, il ratto degli tsingy e il ratto di foresta rosso. Sono numerose le colonie di pipistrelli che trovano riparo nelle grotte della riserva.
Per le visite nel parco di Bemaraha, non bisogna dimenticare scarponi, vestiti leggeri, cappello, crema solare, prodotti antizanzare ed una torcia per ammirare meglio le grotte. E’ obbligatorio avere una riserva d’acqua. I campeggiatori devono fare provviste a Morondava anche se, nei dintorni del parco, si possono comprare i pesci di acqua dolce e carne di zebu o di maiale. Il rifornimento di benzina è possibile solo a Morondava.

 

Il gioiello del Madagascar ultima modifica: 2015-03-26T11:02:32+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *