Il “gap” che piace

298 visualizzazioni Scrivi un commento

Lo spazio tra i denti incisivi superiori, nome medico diastema, è un aspetto morfologico che tende a presentarsi generalmente in età adolescenziale. Le cause possono essere diverse

La spiegazione scientifica vede nel diastema il risultato dello sviluppo sproporzionato di un’arcata dentaria, inferiore o superiore, rispetto alle dimensioni dei denti corrispondenti (ad esempio, se la lunghezza dell’arcata dentaria è eccessiva e al contempo i denti sono piccoli, questi ultimi non sono in grado di occupare tutto lo spazio e di conseguenza si creano delle zone vuote fra denti contigui) oppure c’è la possibilità della presenza di un frenulo gengivale molto pronunciato con un’attaccatura bassa che va ad ostacolare il naturale avvicinamento degli incisivi (questo appunto lascerebbe lo spazio fra gli incisivi frontali). Anche la presenza di cisti dentali, o il mancato sviluppo degli incisivi laterali sembra in qualche modo ricollegarsi alla presenza del diastema. Infine, non manca chi specifica che l’abitudine di succhiare il pollice, tipica dei bambini piccoli, possa condurre alla presenza di un diastema in età adulta.

In ogni caso non è da confondere con la naturale distanza degli incisivi superiori nei denti da latte, dove questa distanza serve per preservare lo spazio utile alla discesa dei denti permanenti (più grandi rispetto a quelli da latte).

Raramente il diastema comporta delle problematiche funzionali causando condizioni patologiche o particolari disturbi (in alcuni casi potrebbe facilitare i traumi sulla papilla interdentale nel corso della masticazione, o causare gengivite), ma potrebbe costituire un inestetismo più o meno accentuato a seconda dello spazio tra i due incisivi. Non manca comunque chi trova il diastema un elemento che dona simpatia e dolcezza al sorriso. Tuttavia spesso coloro che hanno un diastema si sentono a disagio, specialmente quando il “problema” diventa visibile con il sorriso.

Se il diastema non disturba e non dà problemi, non c’è motivo di eliminarlo. Basti tener conto del fatto che ultimamente il diastema è una condizione addirittura apprezzata, rappresenta un elemento distintivo tra le celebrità e le figure di potere: da Brigitte Bardot a Madonna, da Eddie Murphy a Sir Elton John, dal principe Henry ad Arnold Schwarzenegger e tanti altri.

Al contrario, nel caso in cui ci si senta molto a disagio con questa situazione, in base alla dimensione del diastema si può ricorrere a diverse soluzioni. Se i denti sono molto distanziati tra loro è consigliabile optare per un apparecchio ortodontico (fisso o mobile) per l’allineamento dentale. In questo caso i risultati non sono immediati: l’intervento può chiedere dai sei mesi a due anni, ma la soluzione è garantita.

Se i denti non sono troppo distanti si può optare per una soluzione più rapida, applicando delle faccette (si tratta di un trattamento riempitivo, le faccette sono delle lamine sottili in ceramica o porcellana che vengono applicate sulla dentatura, ingrandendo il dente e quindi riempiendo questo spazio. Permettono anche di coprire macchie e schegge nei denti; rappresentano una soluzione abbastanza costosa, ma esteticamente impeccabile). Un ulteriore trattamento prevede la copertura dei denti con delle corone di zirconio oppure di disilicato di litio, anche se sarebbe meglio utilizzare questa soluzione se i denti sono cariati.

Nel caso i cui il diastema dipenda dal frenulo gengivale, una soluzione può essere la frenulectomia che prevede il taglio del frenulo e la sua sistemazione permetterà al diastema di chiudersi.

Infine, la soluzione più drastica, è quella dell’impianto dentale, che viene fatta esclusivamente se l’intera dentatura o quasi è compromessa dalle carie.

Il dentista valuterà al meglio ogni possibile soluzione.

 

Il “gap” che piace ultima modifica: 2018-05-02T14:47:10+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *