iGuide per risollevare il viso

1432 visualizzazioni Scrivi un commento

 

Col passare dell’età la forza di gravità prende il sopravvento, questo vale sia per il viso degli uomini che per quello delle donne: la linea della mandibola diventa meno definita, il profilo ne risente ed i tessuti tendono a scivolare verso il basso. In arrivo dall’America un nuovo trattamento soft per ridefinire i contorni del viso.

La nuova tecnica, iGuide, garantisce ridotte invasività e convalescenza ed i rischi sono pressochè nulli.

E’ un intervento che è sconsigliato in presenza di un eccesso troppo grande di cute, al contrario è indicato in presenza della pappagorgia, ossia tessuti molli e cadenti tra mento e collo. Per questo motivo questo intervento è adatto anche per gli uomini, in quanto la pappagorgia rappresenta sicuramente un problema soprattutto maschile; per non contare il fatto che gli uomini, come noto, sono “fifoni” e quindi questa tecnica essendo praticamente non invasiva farebbe al caso loro.

La procedura avviene in anestesia locale e day hospital. Viene utilizzata una cannula che presenta al suo interno un filo che viene fatto entrare mediante un’incisione millimetrica ad un angolo della mandibola. Il filo viene fatto passare internamente in modo da tracciare delle V da una parte all’altra della mandibola stessa fino ad arrivare al mento dove viene fatto il nodo e chiusa l’incisione. Grazie a questo i tessuti prima cadenti hanno un maggiore sostegno. Dopo l’intervento viene applicata una medicazione, spesso in gommapiuma per rendere più veloce il riassorbimento delle ecchimosi, da tenere per una settimana al termine della quale è possibile riprendere una vita normale. Il costo di questa tecnica varia tra i 5 ed i 6mila euro.

In alternativa all’iGuide le metodiche utilizzate già da tempo sono il  minilifting, un intervento che lascia cicatrici più o meno visibili a livello dell’orecchio. Con questa tecnica viene migliorata soprattutto la parte inferiore del viso e come effetto secondario si ha un miglioramento anche a livello del collo. Il minilifting viene effettuato in anestesia generale e per riacquistare un aspetto normale è necessario attendere almeno 4 settimane.  Con la lipoaspirazione invece viene praticata una piccola incisione a livello del deposito in eccesso all’interno della quale viene inserita una cannula per l’aspirazione. L’intervento viene effettuato in anestesia locale, la dimissione avviene dopo poche ore dall’intervento. Il tempo di recupero è di una settimana.

iGuide per risollevare il viso ultima modifica: 2015-01-15T16:21:06+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *