Gluten friendly: stop ai cibi vietati ai celiaci

916 visualizzazioni Scrivi un commento

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Foggia ha scoperto metodo scientifico innovativo che consente di modificare le proteine del glutine nel frumento in modo che non scatenino la reazione di intolleranza nei soggetti celiaci. Grazie a questa ricerca, gli alimenti oggi assolutamente vietati ai celiaci saranno di fatto commestibili. Il metodo consente di ottenere glutine amichevole, “Gluten Friendly” non più dannoso per il celiaco e da utilizzare per tutte quelle farine destinate alla preparazione di pasta e prodotti da forno comunemente ottenuti dal frumento. Il metodo scientifico utilizzato induce cambiamenti nelle proteine del glutine tali da interrompere la catena di combinazioni chimiche che, innescate dopo l’ingerimento di determinati alimenti che contengono il glutine, causano la cosiddetta intolleranza. Con questo metodo non vengono influenzate negativamente le proprietà tecnologiche delle farine che formano l’impasto, i prodotti ottenuti invece sarebbero assimilabili ai prodotti glutinosi attuali, non solo in termini di aspetto, gusto, ma probabilmente anche in termini di contenuto di nutrienti. Nel cambiamento delle proteine del glutine non sono coinvolti meccanismi enzimatici e/o genetici, ma si tratta di un trattamento chimico-fisico (acqua e microonde per pochi secondi) applicato sulla granella, seme, prima della molitura. Nel seme di frumento, il glutine non è ancora formato e le sue proteine sono depositate in piccole ‘cellette’ che consentirebbero, in presenza di acqua ed elevate temperature, i cambiamenti necessari per produrre il Gluten Friendly. I ricercatori dello studio pensano che questa potrebbe essere una scoperta scientifica di valore assoluto, che potrebbe cambiare l’orizzonte del celiaco, forse anche del gluten sensitive. L’Università di Foggia ha già avviato contatti per la commercializzazione del brevetto anche a livello internazionale.

Gluten friendly: stop ai cibi vietati ai celiaci ultima modifica: 2014-09-03T10:53:09+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *