Fiori di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico

1192 visualizzazioni Scrivi un commento

Nel mar glaciale artico si può osservare uno spettacolo particolare e bellissimo: i “fiori di ghiaccio”; un fenomeno naturale di una bellezza incredibile e ancora poco conosciuta. Sono vere e proprie inflorescenze di ghiaccio, filamenti costituiti da cristalli di ghiaccio che “sbocciano” sulla superficie del mar glaciale artico a temperature inferiori ai meno 20°C (precisamente a -22°C), delle imperfezioni del ghiaccio che si modificano a creare delle forme che sembrano dei fior di loto di ghiaccio e che sono più delicati di un fiore vero e proprio, basta infatti che vengano sfiorati o che il sole li colpisca anche solo per un istante e tornano ad essere parte del mare da cui si sono generati. Queste formazioni d’acqua che costituiscono uno scenario glaciale straordinario si creano a fine autunno o all’inizio dell’inverno in condizioni molto rare che rendono difficile catturarle.
Queste caratteristiche formazioni sono state oggetto di studio di Jeff Bowman, laureato alla University of Washington e del suo professore Jody Deming, durante una spedizione nel Mar Glaciale Artico finalizzata a uno studio multidisciplinare che combinava oceanografia, microbiologia, scienze planetarie nell’Oceano Artico centrale il cui obiettivo era proprio lo studio dei “fiori di ghiaccio”.
Sui fiori di ghiaccio si trova una grande varietà di microrganismi che grazie alla loro numerosa presenza vanno a costituire un ecosistema temporaneo molto simile a quello di una barriera corallina. I due studiosi stanno costruendo una sorta di serra in laboratorio che possa consentire loro di coltivare fiori di ghiaccio artificiali per studiare meglio il fenomeno e per capire meglio come la vita possa essere in grado di sopravvivere in condizioni così estreme anche in altri luoghi dell’universo.
Lo studio è di primario interesse soprattutto per l’astronomia, perché uno dei principali fattori che porta ad “escludere” la possibilità di vita è la temperatura climatica ritenuta eccessivamente bassa per permettere la sussistenza di forme vitali, inoltre in alcuni fiori è stata riscontrata un’alta percentuale di formaldeide che è utile per generare zuccheri semplici come il ribosio, componente dell’RNA.
I ricercatori pensano che i fiori di ghiaccio possano aver a che vedere con la nascita delle prime forme di vita sulla terra.

 

Fiori di ghiaccio nel Mar Glaciale Artico ultima modifica: 2014-12-04T11:49:30+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *