Fibbia salvavita per i bambini dimenticati in auto

632 visualizzazioni Scrivi un commento

Anche se sembra impossibile purtroppo il fenomeno dei bambini dimenticati in auto continua a rimbalzare sulle pagine dei giornali. Uno degli ultimi casi a Roma, nel mese di luglio, dove un genitore si è dimenticato il figlio di tre anni sul sedile posteriore dell’automobile. Per fortuna il piccolo è stato salvato da un agente di polizia che non ha esitato ad infrangere il vetro della vettura. Purtroppo in altre occasioni episodi simili si sono conclusi in maniera tragica. Per questo molti stanno provando ad escogitare nuove tecnologie per evitare una volta per tutte che si ripetano tragedie del genere; quella più interessante al momento è una “fibbia intelligente” da integrare al seggiolino per auto.
L’invenzione del momento arriva dagli Stati Uniti e si deve ad un’ex ragazza pon pon della squadra degli Arizona Cardinals, Marcie Miller, ora mamma e ingegnere alla Intel nel settore dell’Internet of Things.  Si tratta di un dispositivo da fissare alle cinture dei seggiolini per bambini che, grazie ad un sensore e ad un sistema miniaturizzato di comunicazione Bluetooth, questo semplice elemento aggiuntivo del seggiolino può “dialogare” con un normale smartphone, avvertendo nel caso in cui, per distrazione, si sia lasciato il piccolo legato con le cinture all’interno dell’auto. L’allarme scatta se, dalla lettura di diversi parametri (come la temperatura all’interno dell’abitacolo, il movimento del bambino e la chiusura della fibbia), viene rilevata la presenza di un piccolo passeggero a bordo.
Presentato allo scorso Ces di Las Vegas, il dispositivo è ora in fase di pre-industrializzazione e sarà a breve in commercio (si pensa per quest’inverno) ad un prezzo che negli Usa non dovrebbe superare i 50 dollari.

Fibbia salvavita per i bambini dimenticati in auto ultima modifica: 2015-09-10T10:10:09+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *