EMDR, utile per superare shock e traumi

766 visualizzazioni Scrivi un commento

Secondo numerosi studi scientifici e testimonianze, l’EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari), dona sollievo a chi soffre di attacchi di panico, ansia, depressione, dipendenza da sostanze, anoressia e tanti altri problemi. L’EMDR è un metodo usato per il trattamento del trauma e dei ricordi traumatici, si tratta di una nuova dimensione nella psicoterapia.
Riconoscere da soli il trauma che ci condiziona non è sempre facile, potrebbe essere nato nell’infanzia o in un altro momento. Secondo la dottoressa Vinciguerra, psicoterapeuta, supervisore e responsabile comunicazione e sviluppo Emdr Italia e presidente Eurodap (Associazione europea per il disturbo da attacchi di panico), le persone spesso, non sono consapevoli del proprio vissuto: tendono a generalizzare o addirittura a nascondere il disagio magari con l’aiuto di farmaci. Chiedono “aiuto” solo quando questo disturbo diventa invalidante.
L’EMDR è un approccio complesso ma ben strutturato che può essere integrato nei programmi terapeutici aumentandone l’efficacia. Considera tutti gli aspetti di una esperienza stressante o traumatica, sia quelli cognitivi ed emotivi che quelli comportamentali e neurofisiologici. Questa metodologia utilizza imput visivi, uditivi e tattili che stimolano il cervello bilateralmente, per ristabilire l’equilibrio eccitatorio/inibitorio, provocando così una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali. Si basa su un processo neurofisiologico naturale, legato all’elaborazione accelerata dell’informazione.
Il primo incontro è conoscitivo: lo specialista raccoglie la storia della persona e dei suoi sintomi, insieme analizzano i traumi, cioè i momenti emozionalmente gravi (come possono essere un lutto, una malattia). Nei successivi incontri si procede alla stimolazione bilaterale del cervello, sia con macchinari specifici (la persona indossa delle cuffie che riproducono suoni alternati e tra le mani ha delle manopole che vibrano e si illuminano sempre in modo alternato) che senza (il terapeuta propone esercizi di autostimolazione, come incrociare le braccia stringendo con la mano destra il braccio sinistro e viceversa).
Le sessioni di EMDR durano dai 45 ai 50 minuti, come una normale seduta di psicoterapia, ed il costo può variare dai 50 ai 100 euro. Il tempo necessario per risolvere il disturbo traumatico può variare da persona a persona, nella maggior parte dei casi potrebbero bastare da due a quattro incontri.
Importante: l’EMDR non cancella il brutto ricordo, ma mette nelle condizioni di accettarlo.

EMDR, utile per superare shock e traumi ultima modifica: 2015-11-30T17:00:57+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *