Depressione post partum al maschile

582 visualizzazioni Scrivi un commento

All’interno di una coppia, l’arrivo di un figlio rappresenta la gioia più grande, ma può crea anche problemi di ansia e depressione in molti genitori. Avere un nuovo bambino è un momento che prevede una fase di “assestamento” psicofisico per tutta la famiglia, ed è normale essere nervosi, ma l’ansia può diventare un problema se persiste per lunghi periodi quando interferisce con le attività di ogni giorno. Che la mamma possa essere colpita dalla depressione post partum si sa, ma che ne possa soffrire anche il papà non è noto a tutti.
Da una ricerca dell’Australian National University, pubblicata sulla rivista “Journal of Affective Disorders”, è emerso che anche la salute mentale dei papà, può essere messa a dura prova dall’arrivo di un bambino in famiglia. L’ansia prima e dopo l’arrivo di un nuovo nato è comune come la depressione dopo la nascita e colpisce circa un uomo su 10, ed è un dato importante che rappresenta la metà del tasso riscontrato per le donne.
Per ottenere i dati di questo lavoro, i ricercatori, guidati dalla dottoressa Liana Leach, hanno revisionato 43 diversi studi sull’argomento. Secondo la dottoressa Leach, gli uomini possono sentirsi lasciati fuori dal processo, perché gravidanza e parto sono così integralmente legati alla madre. E proprio questo può rappresentare un problema, perché non chiedono aiuto. Dopo la nascita del figlio un padre si sente oppresso e stressato dalle nuove condizioni famigliari che determinano un senso di esclusione dal rapporto privilegiato madre-figlio, il cambiamento fisico della compagna, delle implicazioni in termini di sessualità e di rapporto di coppia modificato. Il disturbo si manifesta con perdita di interesse e di senso, incapacità di dare qualsiasi contributo, anche con sintomi somatici come stanchezza, mal di schiena e disturbi del sonno.
Anche in Italia è stato fatto uno studio simile, da un’equipe milanese dell´Ospedale Fatebenefratelli, che ha analizzato 120 neopapà con un´età di circa 35 anni, un lavoro stabile e un livello di istruzione medio-alta. I risultati ottenuti sono in linea con quelli dell’altro studio: il 5% di questi neopapà ha mostrato una forma di depressione rispetto al  10% della donne che soffre dello stesso disturbo, con una differenza nella durata dei sintomi che nei padri è di circa un anno, un po´ meno che nelle madri.

Depressione post partum al maschile ultima modifica: 2015-12-09T10:15:51+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *