Del cocco “non si butta via niente”

42 visualizzazioni Scrivi un commento

Il cocco, è il frutto della palma da cocco (Cocus nocifera) una pianta arborea appartenente alla famiglia delle Arecaceae. E’ un alimento ricco di proprietà benefiche per la salute. Gli abitanti delle isole del Pacifico lo considerano un vero e proprio toccasana per la salute e la palma da cocco viene soprannominata “albero della vita” in quanto tutte le sue parti possono essere utilizzate: l’acqua, il latte, la polpa, lo zucchero, l’olio, ma anche il guscio e le foglie che sono usati come materiali di arredamento e decorazione.

Il nome cocco significa muso di scimmia, e furono gli esploratori spagnoli a chiamarlo in questo modo perché secondo loro, le tre tacche presenti sulla noce con sfondo peloso ricordavano una scimmietta.

La noce di cocco è ricca di minerali come potassio, fosforo, sodio, calcio, magnesio e ferro; mentre le vitamine sono presente in proporzione inferiore (sono soprattutto i folati, la vitamina C, la vitamina E e la vitamina B3). I componenti nutrizionali della noce di cocco si differenziano a seconda se sono presenti nella polpa oppure nell’acqua o in altre parti.

La parte più conosciuta del cocco è rappresentata dalla polpa che ha un elevato potere calorico (364Kcal/100g, dalle tabelle del Crea, centro di ricerca per gli alimenti), per il suo alto contenuto di lipidi. I lipidi hanno una grande quantità di acidi grassi saturi simili a quelli da fonti animali, alcuni però (come l’acido laurico, più facilmente digeribile) risultano essere di qualità migliore. La polpa è ricca di sali minerali, soprattutto K (256mg/100g), presente in quantità superiore rispetto a quella raccomandata giornalmente (110-140mg). Contiene anche molto Na e per questo motivo, persone che soffrono di ipertensione, di malattie cardiovascolari o renali non devono eccedere nelle quantità.

L’acqua di cocco è un liquido altamente rinfrescante e rappresenta una gustosa alternativa alle bevande energetiche e tonificanti, proprietà che la rende l’alimento perfetto per gli sportivi in quanto contiene moltissimi minerali (potassio, calcio, magnesio, vitamina C, aminoacidi essenziali) che vengono persi con la sudorazione e vanno quindi reintegrati. Grazie al suo contenuto è considerata antiage, antibatterica ed antiossidante. Non contiene grassi e per questo motivo è entrata a far parte delle bevande energetiche naturali di qualità. L’acqua di cocco riduce la pressione sanguigna grazie al suo contenuto di potassio; allevia l’acidità gastrica e migliora la digestione. Ogni cocco può contenere circa dai 200 ai 1000ml di acqua a seconda del tipo e della dimensione. L’ideale sarebbe consumarla fresca dal frutto verde appena aperto, se si compra confezionata bisogna fare attenzione che non contenga troppi aromi e dolcificanti.

Il latte di cocco ha un contenuto clorico di 197Kcal/100mg, al contempo è ricco in fibre che hanno innumerevoli benefici sulla nostra salute: mantengono l’equilibrio gastrointestinale, riducono il rischio di emorroidi, evitano sbalzi glicemici, abbassano la pressione sanguigna, saziano e rafforzano il sistema immunitario. E’ indicato per le persone intolleranti al lattosio e per i vegetariani, può essere affiancato al latte di riso e a quello di mandorle e può essere utilizzato come alternativa al latte vaccino per alcune ricette.

L’olio di cocco è stato inserito tra i prodotti alimentari più dannosi per l’organismo perché più ricchi di acidi grassi saturi (82% rispetto al 63% contenuti nel burro). E’ utilizzato come ingrediente per cucinare e condire, soprattutto in Oriente. Persone che soffrono di ipercolesterolemia o di malattie cardiovascolari lo devono consumare con moderazione. E’ ottimo se utilizzato come prodotto di bellezza: può essere spalmato sulla pelle secca e conferisce un effetto idratante ed emolliente. Può essere anche applicato come maschera sui capelli danneggiati per renderli più luminosi e folti.

 

Anche i fiori del cocco sono importanti, da essi si estrae lo zucchero che ha un sapore dolce simile al caramello ed un indice glicemico piuttosto basso. E’ reperibile nei negozi di prodotti biologici e serve per dolcificare e preparare torte. Se viene lavorato a temperature inferiori ai 40°C mantiene una buona quantità di vitamine e sali minerali.

Del cocco “non si butta via niente” ultima modifica: 2017-08-31T18:30:38+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *