Dall’Australia diamanti sintetici per combattere i tumori

987 visualizzazioni Scrivi un commento

I diamanti da sempre sono visti come strumenti di bellezza ed emblema di ricchezza, adesso però potrebbero essere destinati ad un utilizzo molto più serio: la lotta al tumore. Un gruppo di fisici dell’Università di Sidney ha ipotizzato l’utilizzo di diamanti sintetici come “traccianti”, nella risonanza magnetica nucleare, delle cellule tumorali.
La loro idea è stata resa nota in una pubblicazione sulla rivista “Nature Communications” con una descrizione dettagliata degli esperimenti che sono stati fino ad ora realizzati. Si tratta di diamanti sintetici dalle dimensioni davvero microscopiche nell’ordine dei nanometri, che potrebbero inviare precisi segnali sugli spostamenti delle cellule malate nel corpo dei pazienti sfruttando un processo definito “iperpolarizzazione” cioè di allineamento degli atomi che compongono i diamanti, realizzando un segnale che potesse essere letto dagli scanner usati nelle risonanze magnetiche.
In questo modo, attaccando i diamanti iperpolarizzati alle molecole dirette contro i tumori, gli studiosi affermano di essere in grado di seguire i loro spostamenti nel corpo.
Secondo David Reilly, uno degli autori dello studio, visto che l’utilizzo dei nano-diamanti è già ampiamente diffuso nella chemioterapia per le caratteristiche che li rendono non tossici, non reattivi e assolutamente innocui all’organismo umano, è stato possibile sfruttarli viste anche le loro proprietà fisiche che li rendono perfetti come traccianti per la risonanza magnetica. Attraverso questo sistema gli studiosi potrebbero essere in grado di colpire il tumore, prima che diventi dannoso. Questa tecnica, particolarmente innovativa, potrebbe essere un valido aiuto per individuare soprattutto i tumori difficili da scovare nelle fasi iniziali, come quelli che colpiscono il cervello e il pancreas.
Il cammino è ancora molto lungo e tutto in salita, i pochi risultati preliminari però fanno ben sperare e, una volta messa a punto la procedura, la prossima fase della ricerca vedrà la collaborazione dei fisici con i ricercatori medici per testare questi nano-diamanti sugli animali.

Dall’Australia diamanti sintetici per combattere i tumori ultima modifica: 2015-10-29T13:34:25+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *