Dalla Cina un aiuto per la salute

856 visualizzazioni Scrivi un commento

Fin dall’antichità, in Cina sono state sviluppate delle tecniche di salute per guarire da ogni tipo di malattia, per riequilibrare il corpo, ma anche per aumentare l’energia vitale dell’individuo ed interagire con essa in molte maniere. Adesso, l’insieme di queste tecniche, ha preso il nome di Qigong; una pratica fisica, respiratoria e mentale che, rafforzando l’organismo sano e curando quello malato, aiuta la circolazione dell’energia vitale, attraverso la cooperazione di corpo, respiro e mente. Una cooperazione fondamentale: il corpo, il respiro, la mente, l’energia, lo spirito, costituiscono l’essere umano; ognuno di questi elementi è in grado di interagire con gli altri, di influenzare e modificare gli altri.
Il termine Qigong si riferisce a una serie di pratiche e di esercizi collegati alla medicina tradizionale cinese e in parte alle arti marziali che prevedono la meditazione, la concentrazione mentale, il controllo della respirazione e particolari movimenti di esercizio fisico, che guidano il fluire dell’energia, aiutando a raggiungere uno stato di completa tranquillità e benessere psicofisico.
Il Qigong si può praticare tutti i giorni, è una pratica terapeutica che va eseguita ogni volta che ne sentiamo il bisogno. Andrebbe eseguito al mattino presto, ma ogni momento della giornata è buono per dedicarsi a se stessi. Il Qigong interviene sul benessere fisico e mentale per cui è necessario imparare a conoscere lo stato della salute del nostro corpo, sentire dove vi sono carenze o eccessi, percepire i nostri bisogni terapeutici, in tal modo diventa un attivo trattamento per la salute e non solo degli esercizi di cui a fatica se ne intendono le finalità. E’ preferibile praticare il Qigong all’aperto, in una zona tranquilla, tra gli alberi che emanano una grande energia, oppure accanto ai corsi d’acqua, fiumi, laghi, al mare, in un ambiente tranquillo dove non vi siano condizioni sfavorevoli quali vento forte, freddo o troppo caldo. In genere gli occhi rimangono aperti per guidare la nostra intenzione verso lo scorrere delle energie del corpo, per stare in armonia con la natura.
Tutte le tecniche del Qigong partono da una postura di base che deve favorire il rilassamento, l’equilibrio e la respirazione del corpo. Se il corpo è contratto e non si apre, non è possibile liberare la circolazione del Qi e del sangue. Questa posizione può essere praticata in ogni momento e luogo della giornata. La colonna vertebrale allungata ed aperta, le spalle rilassate, i gomiti e le ginocchia leggermente piegati, i piedi appoggiano con tutta la pianta al terreno ad una distanza pari alla larghezza delle spalle, le mani libere sui fianchi ed il corpo rilassato.
Il contenuto del Qigong si articola in tre aspetti fondamentali: TIAO SHEN, regolare il corpo, per condurlo in uno stato di coordinazione ed armonia. Riguarda la postura e i movimenti; TIAO XI, controllo della respirazione e TIAO XIN, controllo del cuore e della mente.

Dalla Cina un aiuto per la salute ultima modifica: 2015-08-31T23:56:49+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *