Crescere che fatica

609 visualizzazioni Scrivi un commento

Per i piccoli crescere è una gran fatica, ma l’importante è che i bambini affrontino la vita da soli, ovviamente non deve mancare la supervisione dei genitori. Lavarsi da soli, allacciarsi le scarpe, scegliersi i vestiti, fare i compiti sono delle incombenze che diventano via via delle piccole conquiste quotidiane trasformando i bambini inesperti in ragazzi svegli e volonterosi capaci di affrontare tante situazioni.
E’ vero che vedere i propri figli far fatica può essere insopportabile per un genitore che può ovviare a questo problema con alcuni stratagemmi che rendono la vita del bambino più facile, ad esempio preparando i vestiti sul letto, comprando scarpe senza lacci, sottolineando i quaderni dei compiti e così via. A volte però i genitori non si comportano in questo modo solo per evitare ai figli delusioni ed insuccessi, spesso queste scorciatoie servono per fare più in fretta e quindi per risparmiare tempo. I genitori dovrebbero ricordare che il tempo utilizzato per una spiegazione e per un esempio non è mai tempo perso ed è anche un’ottima occasione di dialogo per far sentire la propria presenza e il proprio supporto.
Facendo crescere i propri figli in una sorta di “bolla di protezione” rallenta le loro capacità cognitive. L’iperprotezione li scollega dagli aspetti pratici dell’esistenza, illudendoli che la vita sia un mondo idilliaco dove tutto si ottiene facilmente.
I genitori non dovrebbero interferire con il loro desiderio di farcela da soli; ma dovrebbero essere pronti ad intervenire all’occorrenza. I genitori devono accompagnare nel loro cammino verso la scoperta della vita i piccoli spiegando, consigliando, osservando. Per un bambino avere fatto qualcosa con fatica, contando solo sulle proprie forze, favorisce l’autostima e la gratificazione personale e lo spinge ad intraprendere nuove sfide.
E’ importante ricordare che, fin da piccoli, i bambini godono nel riuscire a fare qualcosa senza l’aiuto dei grandi e quindi, ogni volta che è possibile, è giusto lasciarli provare e spronarli a fare da sè. Le loro capacità sono in evoluzione continua, i bambini sono in grado di aumentare in modo spontaneo competenze e abilità se affiancati da adulti amorevoli e disponibili.

Crescere che fatica ultima modifica: 2015-07-14T09:20:45+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *