Conosci la relazione fra stress e infarto?

664 visualizzazioni Scrivi un commento

Una nuova ricerca pubblicata su “Nature Medicine”, chiarisce una correlazione fondamentale: quella tra stress prolungato e malattie cardiovascolari. Il risultato ottenuto spiega in che modo lo stress sia uno dei più importanti fattori di rischio per attacco cardiaco e infarto del miocardio. Secondo gli autori dello studio, lo stress influenza negativamente il sistema immunitario inducendo un aumento dei globuli bianchi, che a sua volta determina un aggravamento dell’infiammazione delle placche aterosclerotiche nelle arterie, in soggetti con questa condizione.

 

Le placche aterosclerotiche si formano nello strato più interno delle arterie, a contatto diretto con il sangue, e sono caratterizzate da un accumulo di grasso e dalla proliferazione dei tessuto connettivo sottostante, che tende a formare una cappa fibrosa. Numerosi studi hanno mostrato che l’aterosclerosi è associata all’infiammazione cronica di questo strato più interno delle arterie. In presenza di specifici fattori di rischio come fumo, elevati livelli di colesterolo, obesità, ipertensione e diabete, l’aterosclerosi ha un andamento progressivo e, nelle forme più avanzate, le placche possono portare a un restringimento dell’arteria e un ridotto afflusso di sangue, o produrre trombi e attacchi coronarici acuti. Per analizzare l’effetto dello stress sull’aterosclerosi, gli studiosi hanno esaminato un gruppo di giovani medici che lavoravano in un’unità di terapia intensiva, in condizioni di forte stress. Dalle loro analisi del sangue è emerso che dopo una sola settimana di lavoro, il livello dei globuli bianchi era cresciuto notevolmente.

In una seconda fase dello studio, condotta in laboratorio, gli autori hanno considerato un gruppo di topi in salute, mantenuti in condizioni di stress ambientale. Dalle analisi è emerso che queste condizioni protratte nel tempo hanno attivato nel midollo osseo dei topi una proliferazione di cellule staminali emopoietiche, progenitrici di tutte le cellule del sangue e a un incremento nella produzione di globuli bianchi. Lo studio ha mostrato in particolare che, nelle placche aterosclerotiche dei topi, questo aumento dei globuli bianchi a sua volta determina un’infiammazione delle stesse placche, che assumono una struttura simile a quella che si osserva in esseri umani a rischio di attacco coronarico acuto.

Conosci la relazione fra stress e infarto? ultima modifica: 2014-06-27T17:02:51+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *