Come un fuoco dentro

1093 visualizzazioni Scrivi un commento

Molte persone, da bambini, hanno contratto la varicella. In esse è rimasto, in forma latente il virus dell’herpes Zoster. Questo virus è in grado di attivarsi improvvisamente e di causare, sempre in queste persone, quello che viene chiamato “fuoco di S.Antonio”. Non tutti però vanno incontro alla malattia: più soggetti sono le persone anziane, quelle molto debilitate o con sistema di difesa naturale ridotto, quelle malate di tumore. In questi casi il virus si moltiplica più facilmente causando importanti danni ai nervi. Inoltre, anche quelle persone che fanno uso di farmaci, come cortisone e chemioterapici, per lunghi periodi possono sviluppare la malattia.
Dopo aver avuto la varicella, il virus rimane latente a livello dei gangli spinali e qui può rimanere per anni senza dare problemi. A volte però, in particolari condizioni, il virus diventa aggressivo e causa la malattia colpendo i nervi determinando, dopo la comparsa di dolore, la produzione di grappoli di vescicole lungo il loro decorso. Le vescicole sono piene di liquido trasparente e circondate di un alone rossastro. Durante il decorso della malattia si rompono formando una crosticina. La caduta delle crosticine sta ad indicare la guarigione, che si verifica solitamente entro 10-15 giorni la comparsa delle prime vescicole. Nonostante la guarigione, il nervo può continuare a far male anche per molto tempo e la pelle può rimanere sensibile.
Il fuoco di S.Antonio viene trasmesso attraverso il contatto diretto con le bollicine presenti sulla pelle, dov’è contenuto il virus. Per non far peggiorare la malattia è opportuno lavarsi le mani e non grattare le vescicole, indossare abiti di cotone che fanno traspirare la pelle, usare asciugamani personali. E’ importante fare attenzione a non infettare i più piccoli, in quanto non sono ancora venuti in contatto col virus.
L’herpes Zoster si cura con farmaci antivirali specifici, che se presi subito fanno regredire le lesioni e bloccano il dolore, consentendo di guarire molto più in fretta.

Come un fuoco dentro ultima modifica: 2015-06-06T17:42:21+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *