Come scegliere l’acqua “buona”

1082 visualizzazioni Scrivi un commento

 

L’acqua rappresenta l’elemento di cui il nostro corpo ha maggiormente bisogno e che riveste un ruolo essenziale per la salute. Negli ultimi anni il consumi di acqua in bottiglia è aumentato di molto, ma l’acqua non è tutta uguale! Bisogna fare attenzione quando si sceglie il tipo di acqua in bottiglia, soprattutto se viene scelta per un bambino o un neonato che hanno una maggiore necessitò di idratare il corpo rispetto all’adulto. L’infanzia e l’adolescenza sono periodi della vita molto importanti per la crescita e lo sviluppo e l’acqua, insieme ad alimenti e principi nutrizionali, è fondamentale per un’alimentazione corretta.

L’acqua minerale è un prodotto garantito e controllato: la normativa europea prevede il suo imbottigliamento così come sgorga dalla fonte, senza che venga sottoposta a trattamenti. Inoltre, è importante che l’etichetta sulla bottiglia rechi l’indicazione che certifica che l’acqua minerale contenuta nella bottiglia stessa  è riconosciuta dal Ministero della Salute come acqua idonea all’alimentazione dei neonati. Questa caratteristica, non propria di tutte le acque in commercio, dipende da precise qualità chimico-fisiche. E’ importante controllare il contenuto di sali minerali che non devono essere né troppo abbondanti né troppo esegui. Le acque oligominerali sono ideali perché presentano un medio grado di mineralizzazione medio. Anche il luogo di provenienza dell’acqua non è da sottovalutare; ovviamente, un’acqua da fonte alpina è qualitativamente migliore.

Le acque comunque non sono tutte uguali e non hanno lo stesso pH. Il metabolismo rappresenta l’insieme dei processi attraverso i quali il nostro corpo utilizza ciò che ingerisce per soddisfare i suoi bisogni vitali e l’equilibrio acido-base è fondamentale per svolgere tutto ciò, in un ambiente leggermente alcalino (7.35-7.45). Bere acqua minerale alcalina può aiutare a mantenere o a ristabilire il valore di equilibrio del pH.

L’alterazione di questo equilibrio può portare a alcalosi o acidosi metabolica; al giorno d’oggi siamo particolarmente predisposti all’acidosi metabolica , spesso causata da cattive abitudini alimentari, dal fumo, da una vita sedentaria, dallo stress. Mantenere l’equilibrio del pH è importante anche per la prevenzione dello sviluppo della carie sin dall’infanzia. Numerosi studi hanno dimostrato che in un ambiente acido lo sviluppo della carie può accelerare, quindi mangiare e bere alcalino può essere un aiuto per prevenirla.

Come scegliere l’acqua “buona” ultima modifica: 2014-12-30T13:57:57+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *