Ashtanga yoga, lo yoga dinamico

1856 visualizzazioni Scrivi un commento

Lo yoga è una disciplina antichissima, nata in India circa 3mila anni fa. Ci sono varie forme di yoga, ma tutte condividono lo stesso obiettivo: l’equilibrio psicofisico dell’individuo.  L’Ashtanga yoga è tra le forme più dinamiche ed “acrobatiche” ed è molto apprezzata in Occidente: coniuga agilità, forza e flessibilità per arrivare oltre che ad avere un corpo tonico, agile e rilassato, anche un benessere “di testa”.
Letteralmente “Ashtanga” significa 8, un numero che fa riferimento agli 8 rami dello Yoga descritti da Patanjali negli Yoga Sutra: Yama (azione verso gli altri); Niyama (azione verso se stessi); Asana (postura); Pranayama (controllo del respiro); Pratyahara (digiuno dei sensi); Dharana (concentrazione); Dhyana (meditazione); Samadhi (autocoscienza).
Una seduta tipo consiste in un ciclo del tradizionale saluto al sole, seguito da una “ghirlanda” di posizioni che si eseguono sincronizzando il respiro al movimento e prestando attenzione alla postura, terminando un’ora e mezza dopo con la fase di rilassamento.
In 90 minuti di allenamento, le sequenze di esercizi non solo si traducono in fatica fisica, ma anche in impegno mentale, la concentrazione e la respirazione infatti sono fondamentali per passare in modo fluido da una posizione all’altra. E’ impossibile pensare a qualcos’altro durante una lezione di Ashtanga: di colpo la mente si calma, si riprende contatto con il proprio corpo e tutto questo permette di liberarsi dallo stress e dalle tensioni. Attraverso la costanza dell’allenamento il corpo viene modellato e l’organismo diventa forte e flessibile.
Questo yoga possiede anche effetti terapeutici in caso di problemi alla schiena. Da un lato questa disciplina permette di far lavorare i muscoli dorsali profondi che, nella maggior parte dei casi, si trascurano, mentre, dall’altro, le posizioni che si assumono consentono di mantenere un portamento corretto dell’asse verticale in tutte le posizioni, anche da in piedi. In questo modo la schiena risulta irrobustita ed i dolori se ne vanno.
L’Ashtanga yoga è adatto a tutti, perché è graduale ed è assolutamente dipendente dalle capacità del singolo individuo. Non è una gara, ma un viaggio con se stessi.

Ashtanga yoga, lo yoga dinamico ultima modifica: 2015-12-14T16:02:12+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *