In arrivo il primo pomodoro senza nichel

2152 visualizzazioni 4 Commenti

Il nichel è sia un metallo presente naturalmente nel terreno e negli alimenti, sia un prodotto di scarto industriale (vedi fertilizzanti, sigarette e gas di scarico delle auto). Circa il 10-15% degli italiani è allergico al nichel, che si trova soprattutto nella bigiotteria, ma anche in molti cibi. Nelle persone più sensibili, un forte accumulo di nichel nell’organismo può portare allo scatenarsi di reazioni allergiche causate anche da un contatto con una minima quantità della sostanza; altre persone invece, mostrano un livello di tolleranza più alto. L’allergia al nichel è molto diffusa; si parla di Sindrome da Allergia Sistemica al Nichel (SNAS). Questa allergia viene diagnosticata tramite patch test; è un’allergia da accumulo e si presenta ad intensità differenti: alcune persone riscontrano problemi soltanto a causa del contatto della pelle con oggetti e prodotti che contengono nichel; altri soggetti, invece, soffrono di fastidi quando si cibano di alcuni alimenti.
Tra i sintomi più comuni troviamo: arrossamento della pelle, dermatiti, desquamazioni e bruciore; prurito e comparsa di piccole pustole nelle zone che sono entrate a contatto con oggetti metallici; nausea e vomito; mal di testa, capogiri e vertigini; insonnia, difficoltà ad addormentarsi; aumento o perdita di peso apparentemente immotivati; problemi respiratori e tachicardia; afte e infiammazioni della bocca e delle gengive; gonfiori addominali, gastrite, colite o stipsi; stanchezza e malessere generale.
E’ importante, che chi soffre di allergia eviti o limiti gli alimenti a cui si è scoperto di essere più sensibili. Bisognerebbe fare attenzione anche ai cibi in scatola e alle bevande in lattina, oltre a scegliere stoviglie per cucinare in vetro pyrex o in acciaio inox garantito nichel-free. Le persone che soffrono di allergia da contatto dovrebbero fare attenzione ad accessori metallici, compresi bottoni dei jeans, cerniere, orecchini e gioielli in generale. Inoltre è importante scegliere prodotti nichel tested per la cura della persona e di indossare dei guanti durante le pulizie di casa.
Sono in arrivo però buone notizie per tutti gli allergici al nichel che hanno dovuto forzatamente eliminare dalla propria dieta pasta, ma soprattutto pomodori, due alimenti ricchi di nichel.
Mauro Minelli, specialista in allergologia e immunologia clinica, in collaborazione con esperti del Dipartimento di Scienze del Suolo, delle Piante e degli Alimenti dell’Università “A. Moro” di Bari, dell’Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari, dell’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari-CNR e del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento ha ideato un modo per evitare che il nichel sia presente in questi cibi, rendendoli così sicuri per tutti. Grazie al loro lavoro è stato prodotto il primo pomodoro fresco che ha solo dallo 0.25 allo 0.40 mg/kg di nichel, molto meno rispetto alla media standard che è di 1mg/kg. Sempre gli esperti pugliesi hanno messo hanno selezionato una varietà di grano adatto alla produzione di pasta quasi completamente nichel free. Anche spaghetti e Co., infatti, possono dare problemi agli allergici a questo metallo.
Secondo la nutrizionista Irene Tornisello, il progetto nichel-friendly rappresenta una grande ed importante innovazione che permette di ottenere prodotti alimentari privi o a basso contenuto di nichel, dando speranza a tutti quei pazienti fino ad ora costretti ad eliminare numerosi alimenti contenenti il metallo incriminato con conseguenti carenze nutrizionali. Attualmente gli esperti stanno studiando gli effetti di questi nuovi alimenti su un ampio gruppo di volontari provenienti da diverse regioni e affetti da SNAS. Sembra che la salsa di pomodoro nichel friendly sia ben tollerata da tutti, nessuno ha manifestato infatti i sintomi tipici dell’allergia.

In arrivo il primo pomodoro senza nichel ultima modifica: 2015-10-26T19:25:05+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

4 Comments
  1. mario santucci

    3 ottobre 2016 at 19:01

    buona sera vorrei informazioni riguardo al pomodoro senza nickel. Potete aiutarmi? grazie

    • emilia

      6 dicembre 2016 at 21:20

      buonasera Mario, per caso mi sono trovata in questo blog e mi fa piacere…….io produco pomodori senza nichel da tre anni. quest’anno mi sono decisa a pubblicizzarlo un pò….ed a ripetere le analisi su diversi tipi di pomodoro. il pelato, che nn tocca le macchine in acciaio non ha nichel, se lo vuoi assaggiare mandami il tuo indirizzo
      saluti
      Emilia – http://www.tradizione-biologica.it

  2. antonino

    6 ottobre 2016 at 15:41

    ho mia moglie alergica al nickel e se possibile vorrei sapere come acquistare pomodori senza nickel, cosi la farei molto felice, in attesa di una risposta distinti saluti e grazie mille delle vostre ricerche.

    • emilia

      6 dicembre 2016 at 21:23

      buonasera Antonino, ti faccio io il regalo per Natale.
      produco pomodori senza nichel, mandami l emai che ti allego le analisi chimiche del prodotto, anche del succo di albicocca e prugna
      saluti
      Emilia – http://www.tradizione-biologica.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *