Anidride carbonica diventa cibo per i pesci

1098 visualizzazioni Scrivi un commento

L’anidride carbonica, CO2, da sempre è un problema per il nostro pianeta, oggi, può essere utilizzata per produrre cibo. Questa affermazione è stata fatta da Svein Nordvik della CO2BIO, la società creata per eseguire un importante e particolare progetto. In Norvegia la CO2 verrà riciclata ed aiuterà a produrre alimenti sostenibili per i pesci. Il Paese scandinavo sta sviluppando una nuova tecnica in grado di trasformare l’anidride carbonica catturata dall’atmosfera in cibo per i pesci di allevamento: questo nuovo progetto del consorzio norvegese, formato da alcune delle più grandi aziende di prodotti alimentari ittici del paese, prevede di produrre acidi grassi Omega-3 dalle alghe che saranno coltivate in un flusso di CO2.
L’impianto, che sarà costruito al Technology Centre Mongstad (TCM), potrebbe aiutare ad assorbire i gas responsabili del riscaldamento globale fornendo alimentazione preziosa per il mercato ittico del Paese, aiuterà l’ambiente e l’economia del paese scandinavo. Il pesce è infatti il secondo più grande prodotto di esportazione della Norvegia con un fatturato che nel 2013 ha toccato gli oltre 10 milioni di dollari. I fiordi in particolare, producono circa il 60% del salmone d’allevamento di tutto il mondo. Secondo i sostenitori del progetto, una tonnellata di CO2 potrebbe produrre una tonnellata di massa algale da cui credono di poter ottenere tra i 300 e i 400 kg di olio per alimentare i pesci di allevamento.

Anidride carbonica diventa cibo per i pesci ultima modifica: 2014-08-18T09:37:45+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *