Alluce valgo, un problema che colpisce soprattutto le donne

1833 visualizzazioni Scrivi un commento

I piedi sono la parte del corpo più usata e trascurata, spesso infatti non ce ne prendiamo cura. Sono però indispensabili e si meriterebbero cure quotidiane o quasi per prevenire o curare determinati disturbi. Uno di questi è l’alluce valgo, un disturbo che consiste nell’allontanamento del primo osso del metatarso, quello dell’alluce, dal secondo e nella deviazione dell’alluce verso le altre dita. In seguito a questo, la forma del  piede cambia e l’articolazione alla base dell’alluce punta verso l’interno allargando il piede e provocando dolore. Questa deformazione colpisce dal 5 al 10% della popolazione, provocando dolori spesso insopportabili, dolori articolari, tendiniti ed infiammazioni soprattutto se la zona è costretta nella calzatura.
Secondo i dati disponibili, ricavati da numerosi studi clinici, alla base dell’alluce valgo ci sono delle predisposizioni congenite (in questo caso si parla di alluce valgo idiopatico), inoltre le donne sono quelle maggiormente colpite da questo problema. L’alluce valgo può comparire in quelle persone che indossano abitualmente calzature strette, a punta e in quelle che presentano il cosiddetto “piede egiziano”, dove il primo dito, più lungo delle dita vicine, viene spinto verso il secondo. Chi soffre di questo problema potrebbe tendere a modificare il proprio modo di camminare, per alleviare il dolore. Questo però potrebbe causare ulteriori problemi, quali mal di schiena, dolori alle gambe e vesciche.
Questa è una patologia con il tempo tende ad aggravarsi, ma non sempre ha bisogno di cure chirurgiche. Esso va operato solo quando la deformità è grave e tanto da provocare disagio e dolore significativi. Anche se negli ultimi anni la moderna chirurgia mini-invasiva sta dando ottimi risultati proprio in termini di dolore ridotto nel post-operatorio e nella velocità del ritorno alle normali attività quotidiane, esistono diversi tipi di dispositivi medici (tutori specifici in gel o in velcro, plantari) per dare sollievo e correggere il problema. Possono alleviare il dolore e il disagio, ma non possono impedire che peggiori nel corso del tempo. Per alleviare il dolore possono essere assunti antidolorifici anche se a lungo andare il loro utilizzo diventa inutile.

Alluce valgo, un problema che colpisce soprattutto le donne ultima modifica: 2015-12-29T11:00:56+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *