Alla scoperta del tartufo bianco

532 visualizzazioni Scrivi un commento

Il tartufo piemontese era considerato un cibo prelibato in tutte le corti europee già dal Settecento, ma costosissimo sia per la sua qualità che per la sua rarità. Il più pregiato e celebre al mondo è proprio il tartufo bianco di Alba, raccolto nei territori di Langhe, Roero e Monferrato.
Ne basta pochissimo per insaporire un piatto, inoltre può essere utilizzato nei più svariati modi, così gli artigiani si sono sbizzarriti a trasformare in tartufo in modo creativo, dando vita a squisitezze tutte da scoprire e assaporare.
Con più di un mese di eventi (dal 10 ottobre al 15 novembre) dedicati al tesoro delle Langhe e del Roero, la Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba è un appuntamento da non perdere, giunta quest’anno alla sua 85ma edizione. Mostre, degustazioni, sfilate storiche ed eventi sportivi e musicali si succederanno per tutta la durata della fiera, quest’anno dedicata al “tabui”, il cane da tartufo che è l’insostituibile compagno dei cercatori.
Sarà possibile fare acquisti, tra le centinaia di venditori e le mille curiosità che si possono scoprire trai banchi stracolmi. Il Mercato Mondiale del Tartufo, cuore pulsante della Fiera, è il luogo fisico in cui si può conoscere davvero il tartufo, immergendosi in un’atmosfera profumata e unica. Ogni tartufo in vendita presso questo mercato è controllato da una Commissione prima dell’apertura al pubblico. Nel Mercato del Tartufo si ha la possibilità di vedere, toccare, annusare tanti e tanti tartufi venduti direttamente da affidabili commercianti e cercatori del territorio. Si potrà partecipare ad incontri di analisi sensoriale del tartufo, in cui un giudice di analisi sensoriale svelerà mille segreti tra degustazioni olfattive e test sensoriali. Nel corso della Fiera si potranno provare esperienze del gusto uniche, assistere a presentazioni di libri tematici, incontrare Chef internazionali ed assaggiare le loro prelibatezze. Enologi e sommelier di grande esperienza guideranno gli spettatori in un viaggio tra le varietà di vini ed etichette del territorio, svelandone caratteristiche e curiosità; ad accompagnare la degustazione di ottimi vini ci saranno piatti tipici della tradizione langarola dalle raffinatezze della pasticceria artigianale, ai formaggi, dalle paste all’uovo ai salumi e tanti altri prodotti (presso gli stand della rassegna enogastronomica AlbaQualità).
Nel periodo dedicato alla Fiera si alternano in città anche eventi in costume e rievocazioni storiche. Nel centro storico avviene la rievocazione del Borgo Medievale, con giochi per il pubblico e veri e propri spaccati di vita del passato, e nello stesso contesto si svolge il Baccanale del Tartufo. Altri eventi sono il Palio degli Asini e l’Investitura del Podestà. La scoperta di Alba e del territorio avviene anche attraverso arte, letteratura e percorsi, grazie agli spazi ed eventi dedicati alla cultura.

Alla scoperta del tartufo bianco ultima modifica: 2015-10-16T04:38:52+00:00 da Serena Bodei
Bio Autore

Serena Bodei

Da anni attiva nel mondo dell'informazione, scrive per Dimensione Medica dal 2014.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *